Le varianti delle centraline aggiuntive di Citroen

La Citroen, rispetto ad altri marchi, ha una caratteristica pressoché unica. Infatti, il marchio possiede un’infinità di modelli per tutte le esigenze che, se da un lato accontentano quasi tutti i settori del mercato, dall’altro per quanto riguarda le centraline aggiuntive non può essere un’unicità da cui poter far riferimento.
E qui si apre davvero un mondo poiché l’equazione è molto semplice: tanti tipi di auto, tanti tipi di centraline aggiuntive. Prendiamo la serie C: da qui ci sono varie ramificazioni. C1, C2, C3, C4, C5 e C8. Basta così? No, c’è la linea linea XSara e XSara Picasso, Xantia, Evasion, Jumpy e Jumper. E tutte queste auto consentono l’installazione, appunto, della centralina aggiuntiva. In generale, comunque, la potenza
viene incrementata di circa 40 cavalli (testato da varie prove effettuate) ed i consumi possono ridursi del 20%. Può sembrare poco un quinto, ma alla lunga il risparmio è davvero notevole poiché il prezzo della benzina sembra non voler diminuire più di tanto. Il fatto che i consumi si riducano, però, non deve trarre in inganno: le vetture che sono state testate vantano eccellenti risultati in fase di accelerazione, di ripresa e anche di velocità massima. D’altra parte il motore ne trae beneficio perché elimina i vuoti di erogazione a tutti i regimi senza, però, alcun danno nelle parti meccaniche. Se si dovese aver paura, invece, per l’elettronica della macchina, basti sapere che le centraline aggiuntive sono assolutamente compatibili ed i parametri di iniezione così costituiti in modo da avere una combustione ottimale (e da qui nasce il risparmio
di carburante) eliminando il fumo dagli scarichi senza compromettere le prestazioni. Insomma, montare una centralina aggiuntiva su un’autovettura Citroen sembra davvero la soluzione ottimale per chi è stufo di spendere tanto per la benzina ma allo stesso vuole una macchina più potente.