Informazioni su Internet Vodafone Time

vodafone-ipad
Nuvole: moderne e di una volta, che si stagliano nel cielo portatrici di pioggia o che trasportano applicazioni. Il mondo cambia e con lui cambiano le accezioni associate alle parole, facendo nascere nuovi modi di essere e di agire legati agli sviluppi tecnologici. Dai sogni alla realtà, chi oggi opera nel settore della telefonia non può fare a meno di parlare di nuvole e soprattutto di app per smartphone. Abbiamo parlato di dati e app nell’evento del 15 novembre alla Blend Tower con il team dedicato di Vodafone, Vladimiro Mazzotti di H-Farm e il professor Carlo Alberto Carnevale-Maffè, che ci ha raccontato come oggi siamo tutti “tra le nuvole” e ci siamo con nome e cognome, perché vi entriamo tramite autenticazione. Possiamo condividere dati e informazioni personali o professionali, possiamo pagare e fatturare, creando una rete che non è più fatta solo di pagine html ma di persone.
Messaggi, voce, web… nessuna di queste opzioni supera l’uso delle app tramite smartphone, che cresce soprattutto in ambito Social Network e Gaming, ma non solo. Il numero di utenti è in crescita in generale, guardando a tutte le età. Persino gli over 65 risultano utilizzare più app rispetto lo scorso anno. Come si entra nella nuvola? Esiste un taxi per la Cloud? No, si va con un hub come Vodafone, che nel cielo stellato delle app si trasforma in un collettore di processi socio-economici interoperabili. Niente più operatori-infrastrutture, ma punti di incontro digitale. (se vuoi vedere il video dell’incontro lo trovi qui: http://voda.it/streamingapptime) Se il telefono cellulare ha rivestito un ruolo di innovazione in ambito di comunicazione negli anni duemila, così come in precedenza sono divenuti simboli Pagine Gialle e Polaroid, oggi l’uso dello smartphone si discosta notevolmente da quello dei precedenti telefoni portatili, proprio grazie alle app.
Con lo smartphone possiamo certamente telefonare, ma per la maggior parte del tempo utilizziamo questo strumento per fare altro. Condividiamo o cerchiamo informazioni, oppure acquistiamo beni e servizi. Internet diventa sempre più mobile, tanto che si prevede che nel 2015 gli smartphone superino i pc, con un numero di tablet superiore ai 780 milioni. Numeri consistenti, anche se si osserva il numero di download delle applicazioni, che si stima in 65 miliardi. Nel 35% dei casi gli utenti hanno meno di 5 app, il 34% tra 6 e 20 app, mentre il 31% ha scaricato oltre 21 applicazioni. Android detiene il 43% dei download e supera iOS con il 26%. Come si colloca Vodafone in tutto questo? Vodafone si presenta sugli store come sviluppatore di app, fornitore di strumenti utili per migliorare la vita di tutti i giorni con pochi semplici gesti. Le applicazioni sviluppate finora riguardano la telefonia certo, ma anche il tempo libero.