Conto Energia 2011 tariffe incentivanti

conto energia 2011

Grazie alla Direttiva Comunitaria per le fonti rinnovabili che l’Unione Europea ha emesso nel 2011, giunta in Italia e approvata dal Parlamento nel 2003, il Conto Energia porta anche nel nostro Paese il programma di incentivazione della produzione di energia elettrica con impianti fotovoltaici. La domanda per accedere al Conto Energia può essere presentata al Grtn – Gestore del sistema elettrico. Il Conto Energia non è un finanziamento a fondo perduto, ma un finanziamento a conto esercizio, in quanto lo Stato non contribuisce alla messa in servizio di un impianto fotovoltaico che verrebbe sviluppato da suddetto finanziamento.

Si tratta quindi di un incentivo, e non di un investimento, che per i primi 20 anni di vita si occupa di fornire somme in modo continuativo. Il decreto Conto Energia 2011 è stato pubblicato dalla Gazzetta Ufficiale il 24 agosto 2010. Il conto Energia 2011 prevede nuove categorie di impianti fotovoltaici (impianti fotovoltaici realizzati sugli edifici, altri impianti fotovoltaici), e nuove tariffe incentivanti per il fotovoltaico calcolate su tasso euro / kwh.

Da segnalare che gli incentivi al fotovoltaico 2011 in Italia sono stati tagliati del –20%, ed è prevista una ulteriore diminuzione del –8% per il 2012: cifre queste annunciate prima dell’Aprile 2011, il quadro oggi dovrebbe essere diverso (-8% per le nuove installazioni, e –15% a dicembre 2011 in vista del nuovo anno). Il Governo, che proprio in seguito al referendum sul nucleare aveva annunciato nuovi investimenti sulle energie alternative, deve ora affrontare il broncio degli imprenditori che si vedono ridurre drasticamente le tariffe di incentivazione alla produzione di impianti fotovoltaici per l’Italia. Sicuramente saranno presi provvedimenti per cambiare questo scenario.