Come usufruire degli incentivi per l’installazione di pannelli fotovoltaici

Sky_with_puffy_clouds

L’installazione di un impianto fotovoltaico comporta sicuramente numerosi vantaggi come quello di produrre energia in maniera pulita e da fonti rinnovabili e di dare un taglio drastico alla bolletta. Vivere in case in classe energetica A a basso consumo energetico, riducendo al minimo i consumi e le dispersioni di energia e associare a ciò l’installazione di un impianto fotovoltaico infatti aiuta l’ambiente, ma insieme ad i consumi riduce anche le spese per l’energia che viene prodotta autonomamente. I costi di installazione di un impianto sono poi ammortizzati negli anni attraverso i risparmi. Tuttavia in tempo di crisi, seppur si presenti come un investimento vantaggioso, non è sempre facile affrontare una spesa del genere. Gli incentivi statali per l’installazione di pannelli solari e impianti solari sono terminati l’anno scorso, ma sono ancora attive vantaggiose agevolazioni fiscali per chi sceglie il fotovoltaico.

Infatti, per i lavori sostenuti fino al 31 dicembre 2014, è attualmente possibile detrarre fino al 50% delle spese sostenute per l’installazione di pannelli fotovoltaici dall’imposta Irpef (fino ad un importo massimo di 96.000 euro) come previsto dalle agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie. Questo significa che lo Stato invece che dare incentivi su l’energia prodotta come accadeva in precedenza da la possibilità di ridurre alla metà i costi per l’installazione attraverso sgravi fiscali spalmati sui dieci anni successivi all’installazione.

Inoltre per quel che riguarda la realizzazione di un impianto fotovoltaico si gode dell’IVA agevolata al 10%. Bisogna però precisare che tutti gli impianti che superano i 20kw di potenza sono considerati dalla normativa come impianti per attività commerciali e non possono accedere a questo tipo di agevolazioni fiscale. Possono accedere alle detrazioni irpef per l’installazione del fotovoltaico tanto i proprietari delle abitazioni, quanto l’usufruttuari, gli inquilini ed i comodatari, ma anche i soci di cooperative, di società semplici e gli imprenditori individuali se gli immobili non sono ad uso commerciale. Infine ricordiamo che per accedere a tali agevolazione è necessario pagare le spese tramite bonifico in cui deve essere specificata la causale del pagamento facendo riferimento alle detrazioni e i dati fiscali sia del pagante che del ricevente, ovvero il codice fiscale del pagante e la partita iva della ditta installatrice.

Sky_with_puffy_clouds