Come effettuare la lettura contatore Acea digitale

contatore acea

Da qualche anno a questa parte a Roma l’Acea, l’Azienda Comunale Energia e Ambiente, ha fornito l’installazione di contatori elettronici. Il vecchio contatore elettrico di stampo analogico diventa così “contatore digitale”, dispositivo capace di fornire una serie di servizi in più agli utenti. Nonostante la copertura sulla città di Roma della fornitura di nuovi contatori elettrici non sia ancora del 100%, praticamente quasi tutte le utenze hanno effettuato lo switch-off e molti, purtroppo, incontrano delle difficoltà nell’utilizzare questo contatore.

Vediamo come funziona e come fare la lettura del contatore Acea digitale. Avrete notato che c’è un display, al di sotto del quale c’è un pulsante. Premendo quest’ultimo, si forniscono informazioni da far visualizzare sul display.

In particolare, per ogni volta che premiamo il pulsante abbiamo una informazione, partendo dalla prima (numero 1), abbiamo: 1. Data e ora corrente ; 2. Numero matricola contatore ; 3. NU posizione utente, primi 7 caratteri del numero utenza ; 4. Ora corrente e valore di potenza contrattuale disponibile ; 5. A+ totalizzatore energia attiva assorbita ; 6. A- totalizzatore energia attiva ceduta ; 7. , 8. , 9. , 10. sono rispettivamente RQ1, RQ2, RQ3 e RQ4m riguardanti le energie reattive induttive e capacitive assorbite e prodotte ; infine, abbiamo le informazioni A+ (T1) , A+ (T2) , A+ (T3) e A+ (T4) che ci forniscono l’energia attiva assorbita nelle quattro fasce orarie delle tariffe che abbiamo stipulato in bolletta. Ricordiamo che nel libero mercato dell’energia elettrica, i contatori restano sempre di proprietà dell’ente erogatore primario del servizio, che si preoccuperà di fornire le stime dei consumi ai fornitori con i quali abbiamo stipulato il contratto energetico.